Prezzo (€)
 – 
389
417
444
472
499
Colore
+ Espandi
Selezionato: 0
Mostra
Ordina per:
costo    
di popolarità    
titolo    
bx_3966226736_2554_img
Gloverall Original Duffle coat Navy 512
389€
bx_3966226736_2576_img
Duffle coat Gloverall 3120 Cranberry
389€
bx_3966226736_2577_img
Duffle coat Gloverall 3120 Navy
389€
bx_3966226736_2578_img
Duffle Coat Gloverall 3120 Camel
389€
bx_3966226736_2611_img
Gloverall Original Duffle coat Charcoal 512
389€
bx_3966226736_2612_img
Gloverall Original Duffle coat Black 512
389€
bx_3966226736_2613_img
Gloverall Original Duffle coat Grey 512
389€
bx_3966226736_2614_img
Gloverall Original Monty Duffle coat 5750 Camel
499€
bx_3966226736_2615_img
Gloverall Original Monty Duffle coat 5750 Navy
499€
bx_3966226736_2619_img
Churchill Reefer Pea Coat 7690 Black
445€
bx_3966226736_2620_img
Churchill Reefer Pea Coat 7690 Navy
445€
bx_3966226736_2621_img
Duffle coat Gloverall 3120 Grey
389€
bx_3966226736_2622_img
Duffle Coat Gloverall 3120 Black
389€
bx_3966226736_2623_img
Duffle Coat Gloverall 3120 Red
389€
bx_3966226736_2624_img
Gloverall Original Monty Duffle 4385 Navy
499€
bx_3966226736_2625_img
Gloverall Original Monty Duffle 4385 Camel
499€

Storia di Gloverall

Inizialmente, i dufflecoat erano vestiti militari: in Inghilterra, cappotti simili sono apparsi alla fine del 19 ° secolo. Durante la Seconda Guerra Mondiale, un dufflecoat poteva essere visto al Feld Maresciallo Montgomery e ad altro personale militare. Dopo la fine della guerra, scorte abbastanza grandi di questi cappotti rimasero in Inghilterra. Società H&F Morris, Harold e Freda, che li realizzava, hanno scoperto che i dufflecoat sono molto richiesti tra la popolazione civile - e dopo che le riserve militari si sono esaurite, ha fabbricato il suo proprio modello sotto il brand Gloverall (abbreviazione di Gloves and Overall).

I nuovi dufflecoat erano molto simili a quegli originali, ma le loro fermagli-zanne erano fatte di corno, non di legno, e gli occhielli erano fatti di cuoio, non di corda. Il cappuccio è diminuito; il taglio divenne più stretto e aderente: i dufflecoat della epoca militare erano estremamente spaziosi e francamente rigonfi. È stato modificato anche il tessuto, che hanno iniziato ad acquistarlo in Italia. I dufflecoat hanno un lato interno a scacchi il quale però non può essere chiamato come la fodera, poiché sono fatti anche di lana con una piccola aggiunta di materiale sintetico, così come il lato anteriore.

Negli anni '60, i dufflecoat Gloverall furono venduti non solo in Inghilterra: iniziarono ad essere spediti in Giappone, Francia, Sud Africa, Stati Uniti, Canada, Svezia e altri stati, persino in Nuova Zelanda. È curioso quello che alla fine degli anni '90 il Giappone sia diventato il mercato più importante per Gloverall (la sua quota nel totale delle vendite ha raggiunto il 40%). Un altro mercato importante era e rimane sempre la Francia, dove agli studenti e intellettuali piacciono molti i dufflecoat. Inoltre, le posizioni di Gloverall sono forti negli Stati Uniti, in Canada e in Svezia.

I dufflecoat Gloverall nei film

Uno dei fattori importanti che ha assicurato il successo dei dufflecoat era la loro comparsa nei film popolari. Ecco una piccola lista dei film in cui si può vedere i dufflecoat:

  • «Terza persona» (1949)
  • «Mare crudele» (1953)
  • «La verità» (1960)
  • «L'uomo che è disceso sulla terra» (1976)
  • «Società dei poeti morti» (1989)
  • «Sottomarino» (2010)
  • «Incredibile paura di tutto» (2012)

Vale la pena aggiungere che il regista Jean Cocteau adorava i dufflecoat. A volte li indossava anche con i costumi rigorosi per gli affari - e questo, si deve dire, è ancora una combinazione molto controversa.

Attuali modelli di Gloverall e i trend

La gamma attuale di Gloverall è ampia: nella linea del marchio si possono trovare sia i dufflecoat tradizionali che sono molto classici dall'aspetto, sia molto più particolari, in parte anche sperimentali. Per esempio, il modello Summer Monty — si può dire che è, in effetti, un mantello leggero nello stile di dufflecoat. È realizzato in tessuto al 100% di cotone di fabbricazione britannica, dotato degli occhielli in corda, cappuccio e fermagli-zanne in legno. Elementi di contrasto conferiscono a questo modello un aspetto molto particolare. Summer Mid Monty sembra più sobrio a causa della mancanza di contrasti, ma è anche molto diverso dai tradizionali dufflecoat, poiché è realizzato al 100% in cotone e ha anche una piccola lunghezza. I dufflecoat corti sono dei trend moderni.

I dufflecoat Gloverall

Se volete acquistare il dufflecoat più autentico possibile, allora dovreste prestare attenzione al modello Original Monty (5750). Si tratta di un lungo e caldo cappotto di taglio libero, dotato di occhielli in corda, cappuccio e fermagli-zanne in legno naturale. Per coloro che sono alla ricerca di una versione più corta, consigliamo Mid Length Monty Coat (indice 3577). Leggermente più moderni, ma pur sempre classici, i modelli 512, 3251 e 3512. Si differenziano dai due modelli descritti in precedenza per il fatto che gli occhielli su di essi sono fatti di cuoio e che i fermagli sono fatti di corno naturale. Il 3251 è più corto dei dufflecoat 512 e 3512 e ha anche le tasche senza alette. La differenza tra i modelli 512 e 3512 è solo in taglio: il modello 512 è un po 'più spazioso. Oggi, ovviamente, i modelli ristretti sono più popolari, ma Gloverall non ha fretta di abbandonare le opzioni tradizionali.

La composizione del tessuto dei dufflecoat classico Gloverall che è all'80-85% di lana con l'aggiunta del 15-20% di poliammide (sintetico). Un dettaglio curioso: il tessuto dei dufflecoat Gloverall è a doppio strato e su alcuni modelli il lato interno è a quadretti. Va sottolineato che gli strati non sono incollati tra loro, ma sono cuciti ed è proprio quello che permette ai dufflecoat Gloverall di "respirare" e trattenere il calore. In tali cappotti può essere davvero confortevole anche a temperature fino a −15 -20 gradi sotto zero.

I due colori più popolari dei dufflecoat Gloverall sono il blu scuro (navy) e di sabbia (o beige / cammello — camel). Tuttavia, l'azienda cerca di soddisfare le domande per gli altri colori, offrendo alcuni modelli in altri colori, compresi capispalla molto alla moda e in trend nel mondo di oggi: borgogna (burgundy), oliva scura (loden), marrone scuro (brown), nero (black) e grigio (grey). Tutti i dufflecoat di brand Gloverall sono fabbricati in Inghilterra.

Collaborazioni di Gloverall con altri brand

Gloverall ha modelli progettati in collaborazione con i marchi Pretty Green e Bastong. Come parte della collaborazione con Pretty Green, sono apparsi due modelli particolari di dufflecoat. Il primo di questi si distingue con frammenti della bandiera britannica i quali sono cuciti a mano - sia sul davanti che sul retro del cappotto. Il secondo è realizzato in tessuto di lana, che, da un lato, è o bordò monocolore o nero, e dall'altro, ornato, decorato con motivi paisley in toni bordeaux.

Come risultato della collaborazione con il marchio sudcoreano Bastong, è apparso un dufflecoat ristretto, che ricorda molto il modello classico. La posizione delle tasche è stata leggermente modificata (al fine per ottenere la più "silhouette allungata") e le zanne dei fermagli sono aumentate in modo significativo. Come materiale principale per il cappotto, i designer hanno utilizzato il casentino (tessuto italiano di lana con "pellet" apprezzabili). Dona al dufflecoat un aspetto molto particolare della serie cosiddetta "amatoriale".

I dufflecoat di altri produttori sul nostro sito web:

Upp